Solo le grandi band superano brillantemente cambi di formazione anche radicali come è successo ai Cut : nati a metà degli anni novanta come formazione a sei, rimangono presto in quattro con la carismatica front-girl Elena Skoko  che però nel 2002 esce dalla band, lasciando il gruppo senza cantante e - vista anche la presenza scenica - senza “immagine”. Ma Ferruccio Quercetti  e Carlo Masu  (chitarre e voci) e Francesco Bolognini  (batteria) - notata l'assenza del basso? - non si perdono d'animo e si mettono al totale servizio dell'anima lo-fi del rock'n'roll, quella più viscerale e sguaiata in diretto collegamento con le radici di quella musica o, come ha scritto la webzine inglese Pennyblack Music: “John Lee Hooker nella camicia di forza del postpunk”. Nei concerti i Cut danno il meglio di sé: potenti, violenti, coinvolgenti e allo stesso tempo maniacalmente precisi. Il tempo ha dato ragione
alle loro scelte: i Cut, nella stabile formazione attuale, realizzano tre album: Bare Bones , A Different Beat  e l'ultimo del 2010 Annihilation Road , registrato interamente a New York con Matt Verta-Ray (chitarrista con John Spencer negli Heavy Trash). Continuamente in giro per il mondo a suonare (voluti anche nella snob e “difficile” Gran Bretagna), i Cut sono ormai parte integrante della storia del rock bolognese.


Will U Die 4 Me Gamma pop records (2001)